Home
Profilo aziendale
I nostri obiettivi
Novità
PRODOTTI
  ABRASIVI
  ACCESSORI
  AREXONS®
  BADERNE
  COLLANTI E SIGILLANTI
  FILTRAZIONE
  GIUNTI
  LASTRE DI GOMMA
  LUBRIFICAZIONE
  MOVIMENTAZIONE
  PNEUMATICA
  RICAMBI TESSILI
  RUOTE INDUSTRIALI
  TECNOPLASTICI
  TERMOTECNICA
  TRASMISSIONI MECCANICHE
  TUBI
 
AREA UTENTI
Login

Registrati
 Condizioni
 Richiesta INFO
 Help
 E-Mail
 Indirizzo

 
ACCESSORI : SFERE
Scheda Prodotto

SFERE IN MATERIALE SINTETICO TORLON 4203 L
È un polimero che non si deforma e resiste fortemente ai carichi e alle temperature elevate. Possiede significativi vantaggi rispetto ai metalli o ad altri tipi di plastica che non sono in grado di sostenere alte temperature o notevoli carichi. Il Torlon è un materiale più leggero di altri, non è soggetto a corrosione, non richiede alcuna lubrificazione, è compatto e tenace, capace di resistere a forte compressione, a deformazioni ed impatti, resiste all'abrasione e a fuidi idraulici, idrocarburi e a gas combustibili. Queste caratteristiche permettono al Torlon di essere ideale per una molteplicità di applicazioni industriali, quali valvole pneumatiche ed idrauliche, accessori nautici, cuscinetti per movimenti lineari, valvole di controllo. Il Torlon consente una maggiore celerità di risposta ai cambiamenti di pressione rispetto ai metalli, per il suo basso peso e bassa inerzia e garantisce una migliore tenuta alle basse pressioni. Poiché sono autolubrificanti, le sfere in Torlon non sono attaccabili da impurità o grassi che possano danneggiare la performance nell'impiego. Il Torlon tipo 4203 L contiene un 3% di pigmento ed uno 0,5% di additivo. Il Torlon 4301 è studiato per condizioni di elevata frizione e abrasione e contiene il 12% di polvere di grafite e un 3% di additivo. Test di rottura con piatti paralleli (anche denominato test di punto critico di resistenza alla compressione): questo test determina l'entità del carico massimo con il quale è possibile osservare un punto critico di rottura o di frattura totale sul campione esaminato. Un carico viene appicato sul piatto superiore di un'attrezzatura che effettua il test ad una velocità di 1,3 mm/min sino al raggiungimento del punto critico. Il carico massimo e la deflessione sotto sforzo sono ricavati dalla lettura dei dati registrati dalla macchina in prova e la deformazione permanente è misurata sotto carico. I valori ricavati rappresentano una media di un campione di 10 pezzi esaminati.



Prezzo - Chiedi quotazione tramite e-mail